In sociologia una profezia che si autoadempie, o che si autoavvera (Merton, 1971), o che si autodetermina (Watzlawick et alii, 1971), è una previsione che si realizza per il solo fatto di essere stata espressa. [highlight style=”yellow” ]Predizione ed evento sono in un rapporto circolare, secondo il quale la predizione genera l’evento e l’evento verifica la predizione. [/highlight]

Ad esempio nel mercato finanziario, se esiste una convinzione diffusa che sia imminente un crollo, gli investitori possono perdere fiducia e mettere in atto una serie di reazioni che possono causare realmente il crollo. In una campagna elettorale, un candidato che dichiari apertamente di non credere nella sua vittoria può indurre apatia o rassegnazione nei suoi potenziali elettori, che si concretizzano in una diminuzione della sua base elettorale.
In psicologia, una profezia che si autoadempie si ha quando un individuo, convinto o timoroso del verificarsi di eventi futuri, altera il suo comportamento in un modo tale da finire per causare tali eventi.
Interessante, vero?

In concreto
Per spiegarlo, uso molto spesso l’esempio della macchina nuova.
Compri la macchina e ti accorgi che ce ne sono tantissime a giro, mentre prima non le avevi notate…
E’ capitato anche a te? Come spieghi il fenomeno?
Abbiamo due possibilità:

1.           Molte persone hanno comprato la medesima vettura proprio nel tuo stesso periodo –possibile, quanto improbabile-

2.          Ci deve essere qualche cosa di diverso per cui ne vedi così tante.

Che forse sei più attento, proprio a quel tipo di autovettura perché l’hai da poco acquistata e quindi la noti, invece prima soprassedevi, senza rendertene conto?
Ecco, pensa se tu fossi a giro ed invece di cercare la macchina nuova, cercassi conferme a convinzioni che da sempre hai e dai per scontate… Confermando quindi alcuni copioni di vita e non vedendo invece situazioni, occasioni o comportamenti che andrebbero in contrasto con quanto credi, da quando hai memoria.
La psiche infatti tende ad una sua congruenza interna come ricerca di equilibrio omeostatico, quindi cerca di confermare quanto creduto, anche e soprattutto rispetto alla propria storia personale. Perché altrimenti: chi saresti?
Non importa che la storia personale sia ego distonica o positiva, ti piaccia o meno. L’importante è che sia nota e supportata da chi ti sta attorno.

Allora, la domanda significativa, non è più: può essere vera?…… quanto: e’ possibile cambiarla in favore di una profezia che mi faccia stare bene?

Io e tutte le persone con cui ho lavorato, che ho incontrato negli ultimi quindici anni, dimostrano che è possibile.
Come?
Contattami e lo scoprirai, da te.